20 GIUGNO 2005: PRESIDIO ANTI-SONDAGGI A BORGONE DI SUSA

Per questa data era stato annunciata con le dovute procedure legali l'esecuzione di un carotaggio in un campo privato, all'interno del territorio comunale di Borgone di Susa; sarebbe stato il primo sondaggio della serie programmata da LTF per la tratta internazionale della linea. Seguendo le decisioni assunte collettivamente nell'ultima riunione del locale Comitato Istituzionale sull'alta velocitÓ, la giovane sindaca Simona Pognant aveva preventivamente convocato una riunione del Consiglio Comunale aperto, dalle 8 alle 24, proprio su quel campo e per questa data. Erano invitati a partecipare amministratori, cittadini, Comitati ed Associazioni di tutta la fascia di territorio interessata dal progetto TAV; la risposta Ŕ stata formidabile: migliaia di persone si sono alternate nel "giorno pi¨ lungo" a presidiare il sito, con punte di 500 presenze contemporanee che comprendevano sindaci degli altri Comuni, Consiglieri provinciali e regionali, intere famiglie, pensionati, studenti e lavoratori che dedicavano un giorno di ferie alla difesa della loro terra. Era palpabile la forza dell'unitÓ tra sensibilitÓ diverse, tra gruppi di credenti che intonavano canti religiosi, ragazzi dei centri sociali, amministratori di bassa ed alta valle, ambientalisti, militanti locali di un vasto arco di partiti, tutti a condividere acqua, panini ed informazioni, tutti decisi a resistere sperando di non dover subire atti di forza. Fin dalle prime ore del giorno la polizia si era dislocata ad una certa distanza; nel primo pomeriggio, per prevenire un'eventuale tentativo di irruzione, una delegazione di amministratori intavolava intelligentemente una trattativa con il Vice-questore Sanna ed il capo della Digos, Petronzi: i due venivano accompagnati a prendere visione della consistenza quantitativa e qualitativa del presidio e contemporaneamente si avanzava la richiesta di rinviare ogni azione, in attesa dell'incontro degli enti locali con il Consiglio regionale, previsto per l'indomani.
Non veniva assunto un impegno esplicito nel senso richiesto, anche se si intuiva che la soluzione poteva essere accettata, ed allora il presidio era mantenuto fino alla scadenza delle 24; anche per la notte rimanevano alcuni a vigilare, utilizzando il camper del Comitato di lotta popolare di Bussoleno.
Potete vedere le foto che trasmettono il significato intenso della giornata e leggere la cronaca abbastanza obiettiva riportata da Repubblica.