Bookmark and Share

 

Torino-Lione

TAV: a che punto siamo?

luglio-dicembre 2023

In questa pagina presentiamo documenti e articoli riferiti in particolare alla nuova linea ferroviaria Torino-Lione

Gli articoli e i documenti sono presentati in ordine cronologico (i più recenti per primi)

 

Per documenti relativi ad un altro periodo vedi:


 


 

 

 

[20-09-2023] Lettera del Comitato No Tav Susa-Mompantero sullo stucchevole rimpallo della stazione internazionale Tav

Pubblicata ieri sul periodico locale Luna Nuova, la missiva del Comitato titola, significativamente, "Non ci interessa sapere se la Stazione Internazionale del TAV la faranno a Susa o a Bussoleno". E sviluppa il tema analizzando una recente delibera della Giunta comunale segusina (la n. 72 del 5 settembre 2023) che istituisce un gruppo di lavoro multidisciplinare a difesa dell'ubicazione originale di progetto. Leggi


 

 

 

 

[20-09-2023] Ricordo di Gianni Vattimo No Tav

E' morto ieri all'età di 87 anni Gianni Vattimo, filosofo e docente (ha insegnato estetica e filosofia teoretica all’università di Torino fino al 2008). Da uomo libero è stato a fianco del Movimento No Tav: nelle manifestazioni, nell'Europarlamento, con la vicinanza ai militanti imprigionati. Nicoletta Dosio lo ricorda con commozione e gratitudine


 

 

 

[17-09-2023] Cecca è fuori dal carcere

Dopo 7 mesi di detenzione in carcere a Francesca Lucchetto sono stati comminati gli arresti domiciliari. Nel 2013 aveva cercato di appendere sulle recinzioni del Tribunale di Torino uno striscione contro la violenza della polizia sulle donne: ci furono manganellate e denunce Dieci anni dopo, a Febbraio 2023, venne incarcerata


 

 

[13-09-2023] Nuovo principio di incendio al presidio di Vaie

Sono trascorsi quasi 10 anni da quel 2 Novembre 2013 in cui il presidio "Picapera" di Vaie fu distrutto alle fiamme di un rogo doloso per il quale non sono mai stati individuati i responsabili (esattamente come nei casi degli altri presìdi incendiati). La scorsa notte è successo di nuovo, e solo la presenza di una persona all'interno della struttura e la pronta risposta dei Vigili del fuoco alla chiamata hanno impedito che l'incendio si propagasse all'intero fabbricato. Da anni la Valsusa è soggetta ad incendi dolosi molto frequenti e gli autori pare possano girare indisturbati. Nel caso dei presìdi No Tav, inoltre, non è improbabile la presenza di mandanti che vorrebbero intimorire il Movimento di opposizione all'opera. Vedi il comunicato del Movimento No Tav


 

[09-09-2023] PNRR: pasticci istituzionali e zero trasparenza spalancano le porte ad aumma aumma e magna magna

Non è il solito, facile luogo comune. Libera e Gruppo Abele hanno condotto un vasto "monitoraggio dal basso" dei progetti candidati a finanziarsi con i fondi PNRR. Interrogati i 109 Comuni capoluogo di Provincia, è stato possibile mappare 1.731 progetti. Almeno 900 di questi non sono presenti o non coincidono con quelli registrati sul data-base istituzionale nazionale, né sul sito dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC). Non si può dire quanti e quali siano davvero. Propaganda e slogan a parte, ai cittadini non arriva alcuna concreta informazione: la percezione diffusa è che la grande mole di denaro impiegata in investimenti pubblici possa favorire corruzione ed infiltrazioni mafiose. Vedi il report completo: PNRR ai raggi X . E' anche disponibile un video esplicativo


 

 

 

[07-09-2023] ONU: "estate più calda di sempre, il collasso è iniziato"

Antonio Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite, lancia l'ennesimo allarme dopo che l'Organizzazione meteorologica mondiale ha certificato che che l’estate 2023 è stata la più calda a livello globale da quando esistono misure estese e affidabili su continenti e oceani. Ormai è chiaro che il limite di 1,5 C di riscaldamento a fine secolo proposto dall’accordo di Parigi è saltato, ma la politica e l'imprenditoria continuano a fomentare guerre e crescita economica anziché un'inversione di rotta. Leggi


 

 

 

 

[04-09-2023] Le passeggiate ai cantieri Tav della scorsa settimana

Nell'ambito del Campeggio studentesco No Tav (Venaus, 29 Agosto - 2 Settembre) si sono svolte escursioni ai cantieri: una a quello del nuovo autoporto a San Didero e due a quello in Clarea. Numerosa la partecipazione dei giovani ad entrambe le iniziative, con tagli alle recinzioni contrastate dai militi di guardia con idranti e lacrimogeni


 

 

 

[02-09-2023] Telt annuncia l'affidamento dell'appalto per la tratta italiana del tunnel di base del Tav

Giovedì 31 Agosto, in una conferenza stampa, Telt ha comunicato di aver affidato l'appalto per lo scavo delle due gallerie da 10 Km del tunnel di base dal cantiere in Clarea: il consorzio di imprese comprende Itinera (il solito gruppo Gavio), Ghella e la francese Spie Batignolles. Il valore dell'appalto è di oltre 1 miliardo (a crescere, scommettiamo...) e la durata prevista è di 7 anni e mezzo (a crescere, scommettiamo...)


 

 

[29-08-2023] La montagna continua a scendere a valle

A due settimane dalla colata di fango e detriti rocciosi che aveva invaso Bardonecchia dal Frejus (un caso di "debris flow"), due corpose frane (700 mc di rocce - video -) sul lato francese dello stesso sistema montuoso hanno invaso ed interrotto a tempo indeterminato autostrada e ferrovia verso l'Italia. Entrambi i fenomeni sono stati causati da temporali di estrema violenza in alta quota. Sui giornali ogni volta si continua a ripetere l'auspicio di un veloce ripristino, di un rapido "ritorno alla normalità". Peccato che col cambiamento climatico quella normalità che si intende non esista più nella realtà.


 

 

 

[27-08-2023] Comunicato del Movimento No Tav sulla delibera 63 (8/8/23) della Giunta comunale di Susa

Redatto dal Comitato No Ta Susa-Mompantero, il documento afferma che "Togliere le case a chi ne ha bisogno, per agevolare coloro che vengono a distruggere la Valle, è quanto di più vergognoso la giunta guidata da Genovese poteva inventarsi". E ancora: "speriamo che ATC e Regione Piemonte non abbiano alcuna intenzione di prendere in considerazione la delibera e che la rispediscano al mittente con la preghiera di cestinarla" Leggi


 

[20-08-2023] Anche la Giunta comunale di Susa è pilotata da Telt?

Esiste a Susa, in via Martiri della libertà ai n. 4, 6 e 8, un edificio di alloggi destinati ed effettivamente assegnati a famiglie bisognose. Il trascorrere degli anni in assenza di manutenzione ha portato le abitazioni ad un certo degrado. Un paio di settimane fa la Giunta comunale ha emanato una delibera (la n. 63 dell'8 Agosto) in cui stabilisce di avviare la procedura in Regione per sottrarre gli alloggi al vincolo di edilizia sociale onde riservarli a “finalità socialmente rilevanti”. E quali sarebbero queste finalità? La delibera lo svela in premessa: si confida che se Telt se ne accollasse la ristrutturazione, le abitazioni potrebbero andare ai lavoratori dei futuri locali cantieri Tav. Qui si fiuta l'imbeccata dall'alto, ossia della Regione e della stessa Telt, che devono aver già offerto a priori l'idea e le garanzie per l'operazione. E' il modello della Démarche Grand Chantier, bellezza!


 

[17-08-2023] I No Tav respinti alla frontiera francese il 17 Giugno fanno ricorso al Tribunale amministrativo di Parigi

Numerosi attivisti che lo scorso 17 Giugno intendevano partecipare alla manifestazione internazionale No Tav in val Maurienne furono prima bloccati sul confine e poi di fatto respinti. Sabato scorso 24 di loro hanno presentato un ricorso contro quei provvedimenti, chiedendo anche un risarcimento danni. Secondo gli avvocati che li assistono i respingimenti sono motivati esclusivamente dalle opinioni dei loro clienti e non si basano su alcun elemento di fatto relativo al loro "comportamento personale e pertanto violano libertà fondamentali di riunione, opinione, espressione, manifestazione e movimento. E' stata usata del tutto impropriamente una norma anti-terrorismo varata contro i Jihadisti.


 

[12-08-2023] Francia: il Consiglio di Stato sospende lo scioglimento di Soulèvements de la Terre

Su ricorso degli interessati ieri il Conseil d'État, con un procedimento sommario, ha emesso un'ingiunzione provvisoria che sospende lo scioglimento dei Soulèvements de la Terre. che era stato ordinato con decreto governativo il 21 Giugno scorso. Ad avviso dei giudici quel decreto " viola in modo grave e immediato la libertà di associazione, la libertà di espressione e la libertà di manifestazione". Tra le motivazioni della sospensione il fatto che SDT, pur facendo appello alla disobbedienza civile, non abbia mai invitato alla violenza contro gli individui e che con le sue azioni abbia provocato solo danni alla proprietà di significato simbolico. Una nuova udienza con pronunciamento definitivo si svolgerà in autunno.


 

 

[08-08-2023] Lo sprezzo del ridicolo della Procura torinese

Apprendiamo dai giornali che la Procura ha aperto un procedimento contro (genericamente) "i No Tav" con l'accusa di "deviazione di acque" che può comportare fino a 3 anni di carcere. In realtà si tratta della ripulitura e ripristino funzionale del canalino che fin dal 1.300 alimentava i Mulini della Clarea, effettuati nell'ambito del recupero del valore storico della borgata (vedi anche video). Ora ci aspettiamo che analogo procedimento venga aperto nei confronti di Telt, che con lo scavo della vicina galleria geognostica disperde con continuità milioni di metri cubi di acqua all'anno dalla falda sotto la montagna: chissà quanti secoli di galera per i responsabili!


 

[07-08-2023] Stazione Tav a Bussoleno? C'è sotto qualcosa

Circa un mese fa la proposta di spostare la stazione da Susa a Bussoleno era apparsa ai più come una boutade esibizionistica di una neoeletta sindaca del centrodestra. Pochi pensarono ad un'operazione niente affatto spontanea, bensì pilotata dall'alto, cui Antonella Zoggia si fosse supinamente prestata. E' ben probabile che proprio questi ultimi ci abbiano azzeccato. Ecco infatti emergere oggi giudizi lusinghieri sull'idea: dal nuovo direttore di Telt, Bufalini (succede al defunto Virano), dal presidente della Commissione intergovernativa Foietta, dall'assessore regionale ai Trasporti Gabusi e ancora giù fino al Sindaco di centrosinistra di Condove, Suppo (che è pure vicesindaco della città Metropolitana torinese). Una magica quadratura del cerchio che sa tanto di pantomima: la messa in scena emblematica di quel che lor signori intendono per "dialogo con il territorio". Leggi tutto


 

 

 

 

[03-08-2023] Giorgio Rossetto è stato arrestato

Già sottoposto al regime di sorveglianza speciale dallo scorso Giugno, ieri Giorgio è stato arrestato con l'accusa di violazione dell'obbligo di dimora.

AGGIORNAMENTO DEL 6/8: dopo il processo per direttissima Giorgio viene rilasciato cofermando l'obbligo di dimora a Bussoleno


 

 

 

 

[01-08-2023] Amnesty International: troppi lacrimogeni sulla manifestazione No Tav del 30 Luglio

Alcuni osservatori di Amnesty Italia domenica scorsa hanno partecipato alla passeggiata ai cantieri in Valsusa. Il presidente Riccardo Noury oggi denuncia pubblicamente che in quel contesto da parte della polizia è stato fatto un uso massiciio ed indiscriminato di gas lacrimogeni, anche ad altezza d'uomo. Un video su Rainews conferma.


 

 

 

[31-07-2023] La manifestazione No Tav contro i cantieri

Un corteo molto partecipato è partito ieri dal Presidio di Venaus dividendosi poi in due tronconi: uno diretto alla Val Clarea e l'altro a San Didero. All'arrivo ai rispettivi cantieri delle opere propedeutiche al Tav ci sono stati cori e battiture delle reti. Poi una parte dei manifestanti ha tagliato la concertina che sovrasta le recinzioni ingaggiando scontri con la polizia. Una foto alla partenza; la cronaca di notav.info ; un video di Local Team su Rainews


 

 

[29-07-2023] Appello degli scienziati ai giornalisti: parlate delle cause della crisi climatica, e delle sue soluzioni

Dal Climate Media Center Italia è stata inviata una lettera aperta ai media italiani firmata da svariate decine di scienziati, tra cui il premio Nobel per la Fisica Giorgio Parisi. "Giornalisti, parlate delle cause della crisi climatica, e delle sue soluzioni. Omettere queste informazioni condanna le persone al senso di impotenza, proprio nel momento storico in cui è ancora possibile costruire un futuro migliore" Leggi tutto. Sul sito web dell'organizzazione c'è una scheda sintetica e completa: La comunicazione del rischio climatico in 5 punti


 

 

 

[23-07-2023] Valsusa: pressione sui cantieri Tav

In ciascuna delle ultime tre sere si sono svolte iniziative di lotta No Tav rivolte ai cantieri. Giovedì 20 i "Folletti della Clarea" hanno colto di sorpresa i militari di guardia al sito di Chiomonte riuscendo ad entrare nell'area dei lavori dopo aver aperto un varco nella recinzione. Venerdì 21 è stata la volta del cantiere di San Didero, con taglio di alcuni metri della concertina sulle reti. Sabato 22, infine, sono state nuovamente attaccate parti di recinto a Chiomonte.


 

 

 

[17-07-2023] Parte la mobilitazione No Tav contro l'interconnessione Susa-Bussoleno

Sono cominciate le manovre propedeutiche alla realizzazione del tunnel Tav tra Susa e Bussoleno secondo l'attuale progetto di interconnessione con la ferrovia esistente. Telt convoca i proprietari dei terreni per l'esproprio temporaneo ed intanto partono i sondaggi archeologici sul tracciato. "Non possiamo permettere che un'altra porzione della valle venga aggredita dai cantieri" (e militarizzata -ndr- ), recita il volantino del Movimento No Tav che lancia le prime iniziative nella zona


 

 

 

[14-07-2023] Il Festival Alta Felicità 2023 si farà

Nonostante il recente tentativo di intimidazione subito, l'edizione del F.A.F. 2023 si svolgerà come previsto dal 29 al 31 Luglio prossimi a Venaus. A smentita delle illazioni, il Festival possiede un piano sicurezza redatto da professionisti, con impianto di evacuazione e vie di fuga, ha dei responsabili anti-incendio: tutte le misure sono vagliate dalla commissione di vigilanza, composta tra gli altri da ASL e vigili del fuoco. Dunque la preparazione dell'evento è in pieno corso: seguite le info "in progress" sul sito dedicato e sui canali social


 

 

 

[11-07-2023] Lettera aperta agli abitanti della Maurienne e della Savoia

La manifestazione No Tav franco-italiana del 17 Giugno scorso in Val Maurienne ha rappresentato per gli abitanti della zona una novità, così come la giornata di controinformazione della domenica 18. Per raggiungere chi non ha partecipato direttamente agli eventi e per contrastare la disinformazzione portata avanti dalle lobby dell'opera e dai media di regime, il Coordinamento degli oppositori francesi ha scritto una lettera aperta ai cittadini. Ecco l'originale in Francese e la traduzione in Italiano


 

 

 

 

[08-07-2023] Venaus: cittadinanza onoraria alla memoria al magistrato Francesco Saverio Borrelli

La motivazione: “Un grande magistrato dalla coscienza integra e libera, che ha portato avanti il proprio lavoro con imparzialità ed elevato senso del dovere, ricercando la Verità e la Giustizia, nonostante abbia subito insulti e calunnie di ogni colore politico”.


 

 

 

[07-07-2023] La Procura torinese attacca il Festival No Tav

Mentre è in preparazione il Festival Alta Felicità 2023 (dal 29 al 31 Luglio prossimi) la magistratura annuncia l'inchiesta sull'edizione dello scorso anno per, a suo dire, insufficienti garanzie di sicurezza e mancanza di alcune autorizzazioni; il tutto più che altro sul piano formale. Viene indagato anche il Sindaco di Venaus che aveva autorizzato l'evento. E' un nuovo livello di repressione, recentemente già sperimentato nei confronti di iniziative conviviali e culturali del centro sociale Askatasuna a Torino..


 

 

[04-07-2023] In Francia il cantiere Tav prosciuga le sorgenti

Per il Comune di Villarodin-Bourget è una realtà già tristemente vissuta da alcuni anni, ora il problema del prosciugamento degli acquedotti sta allargandosi ad altri paesi: Avrieux, Bramans, Modane, Orelle e Saint-André. I geotecnici contano almeno 36 sorgenti a forte rischio al di sopra del tracciato del tunnel di base. Quello della dispersione dell'acqua potabile è il problema al momento più grave ed urgente denunciato dai No Tav francesi, e monitorato a in particolare dall'associazione Vivre et agir en Maurienne (VAM). Finora, a causa dei lavori svolti, dei 27 punti osservati ben 19 si sono prosciugati. Vedi


 

[02-07-2023] Tav opera green? Ben che vada dopo il 2079

In Francia la lobby pro-Tav preme affinchè il Governo si dichiari a favore di una ferrovia interamente nuova, anche nella tratta nazionale fino a Lione. Ed è con questo scopo che il 23 Giugno scorso la Transalpine ha riunito la sua assemblea proprio lì, a Lione. Peccato che il Sindaco della città non ci fosse, perché da anni in aperta opposizione all'opera come il suo collega di Grenoble. Chi invece non ha esitato a palesarsi nell'incontro, sia pure con un messaggio video, è il Sindaco di Torino, Stefano Lo Russo, che per blandire la platea ha ripetuto l'ormai più che logoro slogan ultraventennale "(il Tav) è una misura strutturale di abbattimento della CO2". Tesi cara ai proponenti, che oggi fa anche greenwashing ma non ha  fondamento scientifico, come è stato ancora una volta  inequivocabilmente dimostrato dal prof. Tartaglia nel convegno tenuto il 18 scorso nell'ambito della due giorni di mobilitazione franco-italiana a Saint Jean de Maurienne.