Cronologia del Tav Torino-Lione

A partire dalle vicende più recenti


Sviluppi di varianti progettuali e lavori preliminari

 

 

 

Tratta internazionale

 

 


Valutazione dell'opera

 

Torino-Lione e Green Deal europeo sono in antitesi

 

 

La Corte dei Conti europea presenta uno studio molto critico (2018):

 

 

Il bilancio dell'opera presenta un risultato negativo tra 5,7 e 8 miliardi

 

 


I progetti vigenti

 

TRATTA INTERNAZIONALE

 

 

TRATTE NAZIONALI

 

 

  • La Francia iniizerà studi e progettazione solo dopo il 2030

 

 

15 anni di ridimensionamenti: purché si faccia, anche solo il tunnel di base:

 


La palude delle compensazioni

 

Promesse e manovre:

 

 


Le motivazioni No Tav

 

 

 

 

 

  • Alcuni documenti per chi ci legge da lontano:

    bafrabatedbaingbasp

 

 

Appuntamenti

 

 

Martedì 17 Maggio 2022 dalle ore 19

al Presidio No Tav di San Didero:

- apericena condiviso (ognuno porti qualcosa e stoviglie e posate proprie)

- a seguire danze occitane con Lhi Chat ervers


 

 

 

 

Mercoledì 18 Maggio 2022 alle ore 20,45

nella sala consiliare del Comune, via Capra 27

Serata informativa: l'ombra del Tav anche su Rivoli


 

Vedi Programma-base settimanale del presidio No Tav di San Didero



Le nostre news

 

[15-05-2022] Piagnisteo di Foietta, perché la Francia insiste: niente tratta nazionale Tav. Se è così, La Ue non finanzia.

I lobbysti nostrani della Torino-Lione si mostrano in preda a grande sconforto. Temono di non poter continuare a riscuotere i lauti stipendi cui ormai... erano abituati? Niente: è che la Francia non cambia idea, non vuol saperne di costruire la sua tratta nazionale, che continua a risultarle priva di benefici economici (cioè, inutile); pensano sia meglio puntare sulla modernizzazione della linea esistente Modane-Digione. Ma allora Lione? In queste condizioni è impossibile firmare la "Decisione di esecuzione" bilaterale dell'intera linea, richiesta dalla UE a fine 2020 come pre-requisito per erogare i finanziamenti all'opera. Per la verità la Francia, come ben sa chi segue la vicenda, ha sempre avuto la posizione attuale, ma forse i nostri "profiteroles del Tav" speravano che se ne fosse dimenticata; o si facesse infine sedurre da quel gusto così appagante ... di mettere le mani sui soldi della Ue. Leggi


 

[10-05-2022] Lo street-artist Blu assolto dall'accusa di "imbrattamento"

Assolto lui, che è tra i 10 migliori al mondo nel suo campo, insieme a due nostri compagni No Tav, perché "il fatto non sussiste": si tratta di arte, un arricchimento per la comunità locale, non di imbrattamento. Lo ha certificato il prof. Tomaso Montanari (Storia dell'arte - Università di Siena) E la giudice ha deliberato l'assoluzione. Il fatto riguardava il murales dipinto nel 2018 in un sottopasso sulla statale 24 nei pressi di Chiomonte, noto come "il girotondo del Tav". La denuncia era partita, su segnalazione della polizia, dalla stessa Procura torinese...


 

[10-05-2022] Non solo Tav Torino-Lione. Anche la ferrovia AV Salerno-Reggio è un progetto senza senso

L’analisi costi/benefici viene demandata a RFI in conflitto d’interesse e non è difficile trovare chi prepari valutazioni che giustifichino investimenti già decisi. La domanda, la solita: merita investire 7,7 miliardi per risparmiare pochi minuti? La stessa RFI si attende, a valori attuali, ricavi da pedaggi di appena 398 milioni nell’arco dei prossimi 40 anni, insufficienti persino a coprire i costi di manutenzione della linea, ma la società delle Ferrovie riesce a far venire positiva l'ACB (analisi costi benefici). Lo Stato dovrà quindi sussidiare anche i costi di gestione. Secondo il Politecnico di Milano andrebbe, in realtà, pure peggio. Vedi


 

[05-05-2022] Dana è tornata libera. Bentornata, carissima.

Dopo 7 mesi di carcere ed un anno di domiciliari rieccola in mezzo a tutti noi. Immaginatevi una coda lunghissima, ognuno in attesa di abbracciarla, perché Dana era e rimane nel cuore di tutti. Scrive un post, amaro per l'ultimo passaggio giuridico-burocratico che l'ha riguardata, un post che tuttavia trasuda di amore per la libertà ritrovata e forza dei legami mai interrotti. Vedi


 

[02-05-2022] 1° Maggio a Torino: la polizia è ormai strumento antidemocratico ed anticostituzionale?

Dopo due anni anche a Torino ritorna il corteo del 1°Maggio. E purtroppo si riparte dall'identico copione che raccontammo nel 2019. Stessa inusitata violenza a freddo nelle cariche della polizia contro lo spezzone più corposo della manifestazione, quello in coda. A smentire la cronaca di aggressioni di facinorosi alle forze dell'ordine bastano le immagini scattate in strada; non servono parole per descrivere chi ha aggredito chi. In questa lettera aperta, sottoscritta da molti, la ferma condanna del reiterato, e sempre più esplicito tentativo di impedire l'esercizio del diritto costituzionale di manifestare pacificamente le proprie idee.

Aggiornamenti dal 3 Maggio con altri comunicati di sdegno: delle realtà costituenti lo "spezzone sociale"; di sezioni dell'ANPI; di Eric Gobetti (Storico del Fascismo e della Resistenza)


 

[02-05-2022] Il Comune di Giaglione vota SI alle compensazioni del Tav

L'ampliamento del cantiere in Clarea va a ricadere in parte sul territorio comunale di Giaglione, al confine con Chiomonte. Così nell'elenco delle "opere di accompagnamento al Tav" la delibera Cipe relativa alla fase di priorità 2 fa rientrare anche la risistemazione di sentieri giaglionesi. Il 21 Aprile scorso il Consiglio comunale ha approvato la convenzione con la Regione Piemonte per ricevere i relativi fondi (circa 355.000 euro); due consiglieri hanno però abbandonato la seduta per coerenza con la loro opposizione al Tav ed il rifiuto delle compensazioni come arma di ricatto volta ad imporre l'opera al territorio.


 

[01-05-2022] BreBeMi: un'opera inutile è un pozzo senza fondo

L'autostrada Brescia-Bergamo-Milano che corre idealmente parallela alla storica A4 è stata aperta nel 2014. Da allora continua ad accumulare perdite, per un totale di oltre 450 milioni. E' costata circa 2,5 miliardi, motivata dall'essere collegamento più diretto tra le tre città: non ha mai raggiunto nemmeno un terzo del traffico minimo ipotizzato in progetto. Anche perché è partita con tariffe alte, per il suo supposto vantaggio competitivo sulla A4, poi sempre aumentate per cercare (inutilmente) di contenere le perdite. Finirà, al solito, che lo Stato, cioè noi, sarà chiamato a ripianare i debiti. Ci consolerà pensare che qualcuno avrà pur "intascato" o ci avrà fatto carriera politica o imprenditoriale?... Leggi


 

[22-04-2022] Approfondimento: Il Tav all'interno dei corridoi di mobilità militare europea

E' stato pubblicato, a cura di Assemblea No Tav Torino e cintura, un opuscolo che raccoglie i contributi a più voci originariamente portati ad un convegno del Luglio 2021 con alcuni aggiornamenti alla luce delle drammatiche vicende della guerra attuale in Ucraina. Il lavoro indaga le decisioni formali della UE circa il ruolo di infrastruttura militare della rete Ten-T e più in generale la crescita della presenza militare nei territori e nella quotidianità, l'aumento degli investimenti strategici nell'industria bellica. Scarica l'opuscolo


 

[21-04-2022] Emilio, liberato, è rientrato a Bussoleno

La notizia è dell'altroieri: il tribunale francese ha deciso il rilascio di Emilio Scalzo dagli arresti domiciliari con l'obbligo di lasciare il Paese. Emilio è così rientrato a Bussoleno e già nella serata di ieri è stato festeggiato al bar della Credenza. Dovrà ripresentarsi davanti al giudice d'oltralpe all'avvio del processo. Nicoletta Dosio racconta l'arrivo di Emilio alla frontiera italiana


 

PER LE DATE PRECEDENTI: vai all' archivio news

 


I contenuti di questo sito sono riportati, insieme a molte altre informazioni e numerosi materiali utili ai fini di ricerche, su


Altri siti No Tav attivi nella lotta alla Torino-Lione
 

Cerca su queste pagine
Cerca su Web
FreeFind


SOSTIENI NO TAV Torino


CASSA DI RESISTENZA NO TAV

Oppure Conto BancoPosta
Numero: 1004906838
Intestato a: DAVY PIETRO CEBRARI MARIA CHIARA
IBAN:
IT22L0760101000001004906838

La repressione giudiziaria del Movimento No Tav

 

Il caso emblematico di Dana

 

 

 

 

 

Centinaia di militanti imputati in decine di processi per oltre un decennio; molte misure cautelari di privazione della libertà prima del giudizio

 


I cittadini inascoltati, la valle militarizzata

 

Il Tav Torino-Lione è il caso più lampante di grande opera inutile imposta alla popolazione

 

Interviene, in seguito ad un esposto, il Tribunale Permanente dei Popoli che sentenzia: violati i diritti fondamentali dei cittadini

 

 

 

 

Autore dell'esposto al TPP è

 

 

nato nel 2014 p er vigilare attentamente sui limiti posti all'agibilità democratica.

 

Negli anni seguenti il Controsservatorio promuove convegni, pubblicazioni, appelli, esposti alla Magistratura

 

 


Il Movimento No Tav

 

Oltre trent'anni di ostinata resistenza

 

Un filo rosso nelle lotte NO-TAV:

 

 

 

 

 


Ultimo aggiornamento: 15-Mag-2022