Cronologia del Tav Torino-Lione

A partire dalle vicende più recenti


Sviluppi di varianti progettuali e lavori preliminari

 

 

 

Tunnel di base

 

 


Valutazione dell'opera

 

Torino-Lione e Green Deal europeo sono in antitesi

 

 

La Corte dei Conti europea presenta uno studio molto critico (2018):

 

 

Il bilancio dell'opera presenta un risultato negativo tra 5,7 e 8 miliardi

 

 


I progetti vigenti

 

TRATTA INTERNAZIONALE

 

 

TRATTE NAZIONALI

 

Il progetto della tratta nazionale italiana non è mai stato approvato

 

La Francia iniizerà studi e progettazione solo dopo il 2030

 

 

15 anni di ridimensionamenti: purché si faccia, anche solo il tunnel di base:

 


La palude delle compensazioni

 

Promesse e manovre:

 


Le motivazioni No Tav

 

 

 

 

 

  • Alcuni documenti per chi ci legge da lontano:

    bafrabatedbaingbasp

 

 

Appuntamenti

 

 

 

 

Ogni giorno dalle ore 11 a Bussoleno - via Trattenero

Presidio di solidarietà per Emilio

che attende il pronunciamento della Cassazione

in merito al ricorso contro l'estradizione in Francia


 

Vedi Programma-base settimanale del presidio No Tav di San Didero



Le nostre news

 

[21-10-2021] Il nuovo sindaco del vecchio "Sistema Torino". Il Tav stella polare

Subito una marchetta al partito trasversale degli affari: il neo-sindaco torinese, Lorusso, nella prima conferenza stampa si affretta a dichiarare che il Comune rientrerà nell'Osservatorio Tav, da cui era uscito nel 2016 con la giunta Appendino. Ce lo aspettavamo, conoscendo la storia del Pd in questa città ed il ruolo svolto da Lorusso negli ultimi 5 anni di legislatura comunale, tutto rivolto a contrastare l'eresia 5 Stelle nei confronti della religione del cemento e tondino. Lo stesso sarebbe accaduto se avesse vinto Damilano, come ben sa il 60% di cittadini che ha disertato le urne.


 

[16-10-2021] Accuse che non lasceremo passare

E' trascorsa una settimana dall'assalto squadrista alla Cgil di Roma. L'utilizzo politico del gravissimo episodio era partito fin da subito: la destra, compatta, rifiutava di chiedere lo scioglimento delle organizzazioni neo-fasciste autrici della devastazione della sede sindacale e "buttava la palla in tribuna" adducendo che le violenze in Italia erano "ben altre". Chiamando in causa, in particolare, i No Tav. Inaccettabili le parole del direttore di Repubblica, Maurizio Molinari (dal video della trasmissione "mezzora in più" di domenica 10/10): «I no Tav sono un’organizzazione violenta, quanto resta del terrorismo italiano degli anni Settanta» e ancora «Per un Torinese "No Tav" significa sicuramente terrorista metropolitano» Non può non conoscere, Molinari, la natura composita del Movimento No Tav, la base popolare valsusina, le componenti di scienziati e sindaci, di storiche associazioni ambientaliste ... Tutti insieme reagiremo, e queste accuse non le lasceremo passare. Leggi l'articolo di Ezio Bertok su Volerelaluna


 

[15-10-2021] La corruzione è diventata un meccanismo del tutto integrato nel sistema politico-imprenditoriale

Avevamo un'ampia sezione apposita su questo sito. La corruzione un tempo destava scalpore, poi ci furono le grandi inchieste come "mani pulite", poi talmente tanti casi nelle piccole o grandi opere pubbliche che è subentrata l'assuefazione nella percezione collettiva del fenomeno; anche perché i colpevoli individuati se la cavano regolarmente con assoluzioni o prescrizioni. Così è diventata un meccanismo-base degli affari, pubblici e privati, indipendente dal colore politico di Governi ed istituzioni locali. Il libro "La corruzione come sistema", uscito a settembre scorso, dà conto di una ricerca su dinamiche ed attori svolta dai professori Donatella della Porta ed Alberto Vannucci (che abbiamo anche ospitato in Valsusa): dal consolidamento sistemico negli anni recenti alle prospettive di ulteriore espansione verso il ricco bottino del Recovery fund.


 

[08-10-2021] Pro Natura: gallerie Tav e drenaggio delle falde acquifere, si ripete la vicenda del Mugello

In un comunicato indirizzato a Giunta e Consiglio regionale, Sindaci della Valsusa e media, Pro Natura Piemonte evidenzia come dallo scavo della galleria geognostica di Chiomonte fuoriesca già oggi un metro cubo di acqua (1.000 litri) ogni 2 minuti e mezzo verso la Dora Riparia. E sottolinea che si sta parlando di soli 7 kilometri di tunnel, un'inezia in confronto al totale degli scavi che l'opera comporta. Un furto di risorsa vitale rubato alle Alpi a danno di tutti i viventi! Leggi


 

[06-10-2021] Via la fuffa mediatica: la reale consistenza di madamine e Si Tav

Riceviamo da notav.info, e soddisfatti pubblichiamo, un più che condivisibile commento ai risultati elettorali riportati nelle elezioni amministrative a Torino dalle liste create coi miseri resti dell'"onda arancione" che ha brevemente occupato la piazza nell'autunno 2018. Per capirci: lista "Progresso Torino" della madamina Giovanna Giordano 0,74%; lista "Si lavoro, Si Tav, Rinascimento Sgarbi" di Mino Giachino 0,43%. Fine.


 

[04-10-2021] Lettera da Mimmo Lucano

Sono in preparazione in varie parti d'Italia manifestazioni di solidarietà a Mimmo Lucano dopo la sua assurda condanna in primo grado da parte del tribunale di Locri. Per quanto ci riguarda a Torino martedì 5 alle 17,30 sotto la Prefettura in piazza Castello e poi ad Avigliana Sabato 9 alle 15 in piazzetta De Andrè (stazione). La prima in assoluto si è svolta subito, sabato 2 Ottobre, nella piazza di Riace. Lì è stata letta la lettera che Mimmo invia idealmente a tutti noi: parole dalle quali emerge genuinamente, come sempre, la sua statura etica. Leggi


 

[03-10-2021] Il cantiere di Chiomonte fa acqua. Un grande spreco di risorsa preziosa, come ampiamente previsto.

"Bucare l'Ambin (il massiccio che separa Valsusa e Francia) è come svuotare una vasca". Lo si diceva, come facile previsione, già nel 2003. Nel 2008 Ambiente Valsusa pubblicava un video impressionante (nel finale) di quanto accaduto a poca distanza dal tunnel geognostico di Chiomonte nello scavo della galleria della centrale di Pont Ventoux (all'interno dovettero abbandonare una talpa escavatrice). Ma il direttore di Telt, Virano, al solito beffardo, vagheggiava di un utilizzo per riscaldamento geotermico delle case chiomontine, di allevamenti di storioni... Ora non siamo più alla fantasia. Giovedì scorso, di notte, si sono rotte le pompe idrovore che da anni portano fuori dal tunnel l'acqua ad alta temperatura verso le vasche di raffreddamento. Telt ha chiamato i pompieri per risolvere l'allagamento, ma questi, vista la portata del problema hanno risposto: "siamo attrezzati per svuotare cantine, non montagne".


 

 

[02-10-2021] La Corte d'appello di Torino concede l'estradizione di Emilio in Francia; gli avvocati ricorrono in Cassazione

La pronuncia è di ieri, il giorno seguente la sentenza del giudice di Locri contro Mimmo Lucano: per la corte Emilio va estradato. Abbiamo leggi e magistrati che incarnano l'opposto dei principi di Giustizia: aiutare chi fugge da guerre e miseria è reato; lasciarli morire in mare o sulle montagne no.


 

PER LE DATE PRECEDENTI: vai all' archivio news

 


I contenuti di questo sito sono riportati, insieme a molte altre informazioni e numerosi materiali utili ai fini di ricerche, su


Altri siti No Tav attivi nella lotta alla Torino-Lione
 

Cerca su queste pagine
Cerca su Web
FreeFind


SOSTIENI NO TAV Torino


CASSA DI RESISTENZA NO TAV

Oppure Conto BancoPosta
Numero: 1004906838
Intestato a: DAVY PIETRO CEBRARI MARIA CHIARA
IBAN:
IT22L0760101000001004906838

La repressione giudiziaria del Movimento No Tav

 

Il caso emblematico di Dana

 

 

 

 

 

Centinaia di militanti imputati in decine di processi per oltre un decennio; molte misure cautelari di privazione della libertà prima del giudizio

 


I cittadini inascoltati, la valle militarizzata

 

Il Tav Torino-Lione è il caso più lampante di grande opera inutile imposta alla popolazione

 

Interviene, in seguito ad un esposto, il Tribunale Permanente dei Popoli che sentenzia: violati i diritti fondamentali dei cittadini

 

 

 

 

Autore dell'esposto al TPP è

 

 

nato nel 2014 p er vigilare attentamente sui limiti posti all'agibilità democratica.

 

Negli anni seguenti il Controsservatorio promuove convegni, pubblicazioni, appelli, esposti alla Magistratura

 

 


Il Movimento No Tav

 

Oltre trent'anni di ostinata resistenza

 

Un filo rosso nelle lotte NO-TAV:

 

 

 

 

 


Ultimo aggiornamento: 21-Ott-2021