Cosa trovate in questo sito

Raccontiamo il mito del Treno ad Alta Velocità e, per contro, le lotte di difesa dei territori: è una storia lunga decenni, con un epicentro in Val di Susa. Lo facciamo non solo raccogliendo e pubblicando le notizie di attualità più significative, indagandone connessioni e senso politico; curiamo anche sezioni dedicate a seguire alcuni temi cruciali:

I progetti del Tav torino-Lione

con le motivazioni puntuali degli esperti di un'opposizione robusta e sempre attiva

Le radici No Tav in val di Susa

la base popolare; anni di laboratorio della partecipazione informata, vera scuola di un modello alternativo di futuro

Casta, cricche, cosche: la compagnia delle grandi opere

un cancro italiano che prova a scardinare perfino la democrazia e prospera sui flussi di denaro pubblico investito in infrastrutture

Come utilizzare al meglio i contenuti di questo sito?
Ecco una breve guida alla ricerca dei documenti

Le motivazioni No Tav

Perché diciamo NO al TAV
Torino-Lione

Le ragioni dell'opposizione ad una nuova ferrovia: una proposta di lettura delle ragioni NO TAV a diversi livelli di approfondimento.

 

Scarica il dossier pdf stampabile (6 pag.)


Politecnico di Torino, 26 Aprile 2012

Convegno scientifico: Tav Torino-Lione quali opportunità e criticità?

Gli atti: audio/video e documenti

 

Le ragioni contro la Torino-Lione sulla rivista scientifica FEB (2014)

(articolo in Italiano ed in inglese)

 

Le merci attraverso le Alpi:

Scheda sui valichi

 

INOLTRE:

Giugno 2014

 

 

Settembre 2014:


 

Ecco invece le ragioni a favore della Torino-Lione: stanno comodamente in 3 minuti di video


Un'alternativa al TAV ?

Ammodernare la ferrovia che esiste già. Due esempi:

 

Con il 2010 alcuni tra gli interventi strutturali indicati sono stati completati; mancano però le misure gestionali e fiscali, nonché gli investimenti per nuovo materiale rotabile.

 

Le basi analitiche:


Cronologia del Tav Torino-Lione

 

Dalle prime ipotesi fantasiose alla "soluzione sinistra Dora" (2002-2003); dai fatti di Venaus alle improvvisazioni per ottenere il finanziamento UE (2007-2008), fino al fritto misto del "destra Dora" (2010-2011) .

Poi i ridimensionamenti del 2013 e 2016, la variante del 2017.

Della serie: purché si faccia.


 

 

 

 

 

 

----------------------
Ed i relativi sondaggi preliminari:

 

 

Sviluppi recenti

 

 


La palude delle compensazioni

 

Promesse e manovre

Dossier di Novembre 2017


Da non perdere


Per approfondire

 

Proponiamo

un'ampia selezione di documenti

basilari inerenti il confronto tra ferrovia ad alta velocità ed infrastrutture alternative

---------------

Contattaci per organizzare un incontro informativo, un intervento in un evento

 

tecnotav.tour@gmail.com

facebook.com/tecnotav.tour


Il ruolo dell'Unione Europea

Le funzioni di programmazione e di coordinamento dell’Unione Europea in relazione allo sviluppo di reti transeuropee di trasporto, il quadro di regole comuni, i finanziamenti europei, i rapporti dei cittadini con il Parlamento europeo....

 

Dal 2011 queste tematiche sono trattate prevalentemente sul sito del Presidio Europa No Tav


Appuntamenti

 

 

 

Giovedì 21 Gennaio 2021 dalle ore 9

Presidio No Tav davanti al tribunale di Torino in solidarietà agli imputati

(corso Vittorio Emanuele 130)

per la sentenza del maxi-processo di appello bis ai 37 No Tav (fatti del 27/6 e 3/7 del 2011)


 

Sabato 23 Gennaio 2021 alle ore 18

al presidio permanente No Tav di san Didero per il ciclo di incontri "Popoli e Terre tra persecuzioni e autonomia":

“Siamo le nostre montagne” il popolo armeno tra genocidi, guerre e autodeterminazione

con Ani Karamanukyan + proiezione materiale multimediale



Le nostre news

 

[18-01-2021] I trasporti nel post-pandemia

La lunga e drammatica epidemia del Covid lascerà conseguenze permanenti anche sui sistemi di mobilità delle persone e delle merci. Resterà una quota di smartworking, diminuiranno i viaggi dei business-man sulle lunghe distanze... "Risulteranno più vistosamente inutili opere infrastrutturali, su cui già vi erano seri dubbi". Leggi l'analisi del prof. Marco Ponti


 

[17-01-2021] Vin brulé e gas CS ai Mulini

In settimana si è concluso l'ampliamento del cantiere Tav in Clarea. La notte di venerdì un gruppo di No Tav ha raggiunto le nuove recinzioni dopo un momento conviviale al presidio dei Mulini. All'avvicinarsi degli attivisti hanno risposto i poliziotti con un fitto lancio dei soliti lacrimogeni al gas CS, così tossico da essere vietato in guerra.


 

[11-01-2021] Al via il 32° anno di lotta No Tav

Si è sviluppata tra il nuovo presidio No Tav di San Didero e quello dei Mulini in Clarea la prima settimana resistente del 2021. A conclusione delle iniziative ieri, domenica, si è tenuta a Giaglione l'assemblea che ha deciso di raggiungere, attraverso i sentieri innevati, il cantiere di Chiomonte dove era appena terminato l'ampliamento del recinto. Leggi


 

[10-01-2021] Strage di Viareggio: prescrizione, come ormai è sempre per manager aziendali.

Scusate l'aneddoto personale. Era il 1991 e a Lima presi un taxi: "Al Palacio de Justicia, por favor" Il giovane alla guida, con un sorriso commentò: "Palacio de justicia de los ricos contra los pobres". E nel viaggio mi dimostrò come in Perù si trovassero in galera tanti colpevoli più che altro di povertà economica ma neanche un ricco. Nei 20 anni trascorsi da allora ho avuto innumerevoli dimostrazioni che è così anche in Italia. Ho visto una lunga lista di politici, imprenditori, personaggi potenti salvati dalla prescrizione. Specie nei casi di stragi con molte vittime innocenti, come a Viareggio. Lo denuncia perfino l'ex giudice Guariniello, che si è occupato dei casi più noti. Per contro ho visto da vicino la feroce e rapidissima persecuzione del dissenso sociale, la repressione della libertà di pensiero con dure pene inflitte anche per questioni al limite del ridicolo. E ormai da tempo ho, a ragion veduta, consolidato in me un giudizio irreversibile sulla Magistratura. E penso spesso alle parole di quel giovane saggio Taxista (abusivo) di Lima. Perciò se mi chiedete: credi nella Giustizia? hai fiducia nella Magistratura? Sapete già cosa rispondo.


 

 

[04-01-2021] In carcere anche Fabiola

Nel pomeriggio del 31 Dicembre scorso è stata portata in carcere Fabiola Costanzo, che stava già scontando agli arresti domiciliari la condanna definitiva di 2 anni per aver partecipato, come Nicoletta e Dana, alla manifestazione del 3 Marzo 2012 sull'autostrada A32 (sempre quella). Leggi


 

[01-01-2021]

Lettera di Dana: in vista del Capodanno

La situazione di emergenza Covid in carcere, il conforto che arriva dai presìdi esterni dei compagni, il calore dei rapporti con le detenute amiche, la pallavolo, il tempo liberato dall'assenza di internet e smartphone, il compiacimento per la prosecuzione della lotta al Tav. C'è tutto questo nella lettera che Dana ci ha inviato per fine anno, ma anche stavolta emergono prepotenti la sua forza ed il suo coraggio che tre mesi di prigione non hanno scalfito nemmeno un po'. "ritorna ciclicamente da parte dei poteri giudicanti il refrain della presa di distanza dal movimento No Tav, come conclusione sine qua non per accedere alle misure alternative al carcere. Ogni volta che mi si ripropone questo argomento rido. Hanno, giustamente a loro vantaggio, posto un prezzo per la mia libertà che non sono disposta a pagare, quindi mi attrezzo a scontare la mia pena qui, fintanto che non si stuferanno o arriverò al fine pena" . Leggi


 

[30-12-2020] Il Controsservatorio Valsusa non demorde: nuovo esposto alla Procura di Roma

Presentato lo scorso 18 Novembre, l'esposto segnala "un'imponente serie di forzature, di attestazioni imprecise e di giudizi tecnici inattendibili intervenuti nell'iter della Nuova Linea Ferroviaria" (TAV). "Artifici e raggiri", per usare il lessico del nostro codice penale) che possono aver indotto “in errore” i decisori politici sui vantaggi dell’opera" . Sono i medesimi rilievi che si ritrovano, da ultimo, in documenti ufficiali sovranazionali, in particolare il rapporto 10/2020 della Corte dei Conti Europea. Ecco il testo dell'esposto


 

 

[29-12-2020] Cantiere Tav in Clarea: lavori di ulteriore ampliamento

Sono riprese ieri in una val Clarea sotto la neve le operazioni militarizzate di ampliamento del cantiere Tav, dopo lo step di inizio Dicembre che aveva solo parzialmente attuato il progetto. Indetta per questa sera a Giaglione un'assemblea No Tav


 

[25-12-2020] Presentata alle istituzioni la piattaforma della Società della cura

Il raggruppamento "Società della cura" (1.200 cittadini e 350 aggregazioni dal basso, tra cui il Movimento No Tav) ha presentato il 22 Dicembre a Comuni, Regioni e Parlamento italiano le proprie proposte per uscire dall'emergenza attuale. Un piano di radicale conversione ecologica, sociale, economica e culturale della società. Perché niente può essere più come prima, per il semplice motivo che è stato proprio il prima a causare il disastro.


 

[24-12-2020] Dalle audizioni alla Commissione Trasporti della Camera

Dalle audizioni finalizzate al pronunciamento di un parere della Camera sul contratto di programma per il Tav riportiamo due interessanti contributi.

- Quello del prof. Yves Crozet dell'Università di Lione, (già consulente della Corte dei Conti europea) inerente utilità dell'opera ed impatto su ambiente e clima: ecco il suo rapporto in 14 pagine ed il video del suo intervento .

- Quello dell'ing. Alberto Pogggio della Commissione tecnica dell'Unione montana dei Comuni, inerente l'attuale incompleto finanziamento dell'opera dalle tre fonti (Italia, Francia, UE) e sui tempi di realizzazione previsti: qui il video della sua relazione


 

[24-12-2020]

Un video-omaggio delle Donne No Tav a Dana

Durante la manifestazione statica dello scorso 8 Dicembre a San Didero il gruppo delle Fomne No Tav ha voluto omaggiare la nostra compagna Dana Lauriola, in carcere da 3 mesi. Lo ha fatto leggendo brani dalle lettere che Dana ci ha inviato dalla sua cella. Ecco la registrazione video


 

[23-12-2020]

Ciao, Fulvia, vicina al cuore di tutti i No Tav

Uno brutto incidente stradale ti ha portata via a Carlo ed ai figli. Il tuo sorriso diceva tutto della tua dolcezza e della tua forza. Sei stata maestra elementare di tanti valsusini oggi cresciuti; sei stata nostra compagna nella lotta contro il Tav. Ci piace ricordarti nella marcia Venaus-Roma dell'estate 2006, che ha attraversato le comunità ribelli in difesa dei territori, esperienza su cui hai scritto il libro "La meta è il viaggio". Ti sentiremo ancora al nostro fianco, mentre continueremo a batterci contro l'opera inutile e climaticida. Ciao, Fulvia, ti mandiamo un bacio.


 

[23-12-2020] Le prove della criminalizzazione giudiziaria del Movimento No Tav

E' stato recentemente reso pubblico un approfondito studio analitico e di catalogazione dei dati processuali riguardanti i No Tav. Comprende, al momento, i processi arrivati alla conclusione almeno del primo grado di giudizio al 31 dicembre 2017 ed ha il grande merito di quantificare e rendere evidente la criminalizzazione giudiziaria che il Movimento No Tav ha sempre subito e comunicato all'esterno. Un documento condensa gli esiti in 8 pagine ; una serie di 14 slide mostra in maniera immediata i dati salienti. I lavori hanno il patrocinio di SupportoLegale.org e dell'Associazione Bianca Guidetti Serra.


 

PER LE DATE PRECEDENTI: vai all' archivio news

 



 


 


Cerca su queste pagine
Cerca su Web
FreeFind


Vuoi dare un sostegno a

NO TAV Torino?


Donazioni CASSA DI RESISTENZA NO TAV

Oppure Conto BancoPosta
Numero: 1004906838
Intestato a: DAVY PIETRO CEBRARI MARIA CHIARA
IBAN:
IT22L0760101000001004906838


Alcuni documenti per chi ci legge da lontano:

bafrabatedbaingbasp


Il Movimento No Tav

 

Trent'anni di ostinata resistenza ad una grande opera inutile ed imposta

 

Un filo rosso nelle lotte NO-TAV:

 

Il respiro di una lotta popolare

La richiesta di partecipazione sempre negata dalle istituzioni

 

per approfondire.

 

-----------------------------

 

La sentenza del Tribunale Permanente dei Popoli: violati diritti fondamentali dei cittadini (2015)

 

 

per approfondire:

 

 

Link a Giap per scaricare il libro


La valle militarizzata

 

 

A Chiomonte c'è una base militare a difesa di un sistema che intasca soldi dei contribuenti italiani ed europei. In Val di Susa stanno sperimentando un modo "moderno" per realizzare grandi opere.

Tragico epilogo della fu-democrazia in un Paese gravemente malato, che non esita a dichiarare guerra anche ai propri cittadini

 

 

I peccati della Maddalena

(realizzato da Fratelli di Tav)



 

La repressione giudiziaria

 

----------------------

Per approfondire:


E' on line il documentario Archiviato:

 

Una campagna dei NO-TAV

Dossier completo su

chi LTF ha incaricato dei lavori

(senza gara) per allestire il cantiere a Chiomonte:

 

- Fior di intermediari !

- Trascorsi non proprio limpidi

 

- Le ditte ed i consorzi ai raggi x: sempre loro fra fallimenti, riaperture con parenti prestanome, sponsor politici molto interessati...

 

- I tanti guai nel passato degli "imprenditori": appalti truccati, fatture false, corruzioni... E la 'ndrangheta

 

- valutazioni su imprese e costi

 


Le Grandi Opere Inutili Imposte

 

Molte sono le lotte di difesa dei territori dall'imposizione di opere contro la volontà dei cittadini.

A partire dal 2006 i vari Movimenti di opposizione hanno iniziato a conoscersi e coordinarsi, dando vita ad un Forum annuale, presto divenuto di portata mondiale.

 

Contro le grandi opere inutili imposte


 

 


Ultimo aggiornamento: 21-Gen-2021