Ricevi la nostra Newsletter?

Cosa trovate in questo sito

Raccontiamo il mito del Treno ad Alta Velocità e, per contro, le lotte di difesa dei territori: è una storia lunga decenni, con un epicentro in Val di Susa. Lo facciamo non solo raccogliendo e pubblicando le notizie di attualità più significative, indagandone connessioni e senso politico; curiamo anche sezioni dedicate a seguire alcuni temi cruciali:

I progetti del Tav torino-Lione

con le motivazioni puntuali degli esperti di un'opposizione robusta e sempre attiva

Le radici No Tav in val di Susa

la base popolare; anni di laboratorio della partecipazione informata, vera scuola di un modello alternativo di futuro

Casta, cricche, cosche: la compagnia delle grandi opere

un cancro italiano che prova a scardinare perfino la democrazia e prospera sui flussi di denaro pubblico investito in infrastrutture

Come utilizzare al meglio i contenuti di questo sito?
Ecco una breve guida alla ricerca dei documenti

Le motivazioni No Tav

Perché diciamo NO al TAV
Torino-Lione

Le ragioni dell'opposizione ad una nuova ferrovia: una proposta di lettura delle ragioni NO TAV a diversi livelli di approfondimento.

 

Scarica il dossier pdf stampabile (6 pag.)


Politecnico di Torino, 26 Aprile 2012

Convegno scientifico: Tav Torino-Lione quali opportunità e criticità?

Gli atti: audio/video e documenti

 

Le ragioni contro la Torino-Lione sulla rivista scientifica FEB (2014)

(articolo in Italiano ed in inglese)

 

Le merci attraverso le Alpi:

Scheda sui valichi

 

INOLTRE:

Giugno 2014

 

 

Settembre 2014:


 

Ecco invece le ragioni a favore della Torino-Lione: stanno comodamente in 3 minuti di video


Un'alternativa al TAV ?

Ammodernare la ferrovia che esiste già. Due esempi:

 

Con il 2010 alcuni tra gli interventi strutturali indicati sono stati completati; mancano però le misure gestionali e fiscali, nonché gli investimenti per nuovo materiale rotabile.

 

Le basi analitiche:


Cronologia del Tav Torino-Lione

 

Dalle prime ipotesi fantasiose alla "soluzione sinistra Dora" (2002-2003); dai fatti di Venaus alle improvvisazioni per ottenere il finanziamento UE (2007-2008), fino al fritto misto del "destra Dora" (2010-2011) .

Poi i ridimensionamenti del 2013 e 2016, la variante del 2017.

Della serie: purché si faccia.


 

 

 

 

 

 

----------------------
Ed i relativi sondaggi preliminari:

 

 

Sviluppi recenti

 

 


La palude delle compensazioni

 

Promesse e manovre

Dossier di Novembre 2017


Da non perdere


Per approfondire

 

Proponiamo

un'ampia selezione di documenti

basilari inerenti il confronto tra ferrovia ad alta velocità ed infrastrutture alternative

---------------

Contattaci per organizzare un incontro informativo, un intervento in un evento

 

tecnotav.tour@gmail.com

facebook.com/tecnotav.tour


Il ruolo dell'Unione Europea

Le funzioni di programmazione e di coordinamento dell’Unione Europea in relazione allo sviluppo di reti transeuropee di trasporto, il quadro di regole comuni, i finanziamenti europei, i rapporti dei cittadini con il Parlamento europeo....

 

Dal 2011 queste tematiche sono trattate prevalentemente sul sito del Presidio Europa No Tav


Appuntamenti

 

 

Sabato 29 e Domenica 30 Settembre 2018

a Venezia, Sale Docks e Canale della Giudecca

Giochi d'acqua

contro le grandi navi e le grandi opere

(assemblea nazionale dei Comitati di lotta)

Vedi la locandina


 

 

 

 

Sabato 29 Settembre 2018

Presso la Rocher des Amoreux, a

Villarodin Bourget (Francia)

Grande festa NO Tav franco-italiana


 

 

Sabato 6 e Domenica 7 Ottobre 2018

a Firenze, circolo Arci Lippi, via P. Fanfani 16

Conferenza dei territori

incontro tra i movimenti italiani di lotta contro le Grandi Opere Inutili e Imposte.

Vedi programma e info


 

Le nostre news

 

[21-09-2018]

Il Ministro Toninelli intercettato a Torino

Il Ministro partecipava oggi al convegno su "Le strade dell'innovazione" organizzato dal Comune di Torino. Mentre gli attivisti No Tav presidiavano l'ingresso della sala, il sindaco di Venaus, Nilo Durbiano, ha esplicitamente posto a Toninelli l'esigenza di fermare i lavori in corso nel cantiere Tav, come peraltro già richiesto nella lettera del 5 Settembre.

Vedi il video col dialogo e l'intervista a Franco del Movimento No Tav.

Vedi anche l'intervista di Torinoggi.it a Nilo Durbiano


 

[20-09-2018] Chieste nuovamente pesantissime condanne per i No Tav

Nell'udienza di ieri dell'ennesimo processo intentato dalla procura torinese contro attivisti No Tav, il solito pm Rinaudo ha evocato pene molto pesanti per i 17 imputati: si arriva a richieste di 7 anni ed 8 mesi di reclusione! I fatti risalgono al 28 Giugno 2015, quando a margine di un corteo vi furono tafferugli.


 

[20-09-2018] Meeting dei Movimenti di lotta contro grandi opere e sprechi, in difesa dell'ambiente

Nelle prossime settimane sono in programma tre momenti di coordinamento tra i Movimenti che lottano in difesa dei territori. Due di portata nazionale: il 29 e 30 Settembre a Venezia ed il 6 e 7 Ottobre a Firenze; uno a carattere internazionale a Melendugno, sempre nel primo fine settimana del mese prossimo. L'insieme di questi appuntamenti pone ancora una volta il problema del rapporto tra i cittadini e la politica delle grandi opere.


 

[18-09-2018] Settembre: i No Tav alzano il tono della mobilitazione

Mentre avanzano i lavori di cantiere propedeutici all'ampliamento, si rafforzano il controllo militare dell'area e l'interdizione all'accesso: si arriva a chiudere totalmente la strada "delle Gallie" tra Giaglione e la Clarea (creando, in Settembre, seri problemi di accesso alle vigne), e addirittura a posare rotoli della taglientissima "concertina" sui sentieri dei boschi, con grave rischio per l'incolumità di persone ed animali. Nonostante l'ennesima ordinanza (sempre di dubbia costituzionalità) del Prefetto, i No Tav rispondono intensificando le iniziative di giovani ed anziani con momenti conviviali o di disturbo o di simbolico taglio delle nuove barriere. Tra risposte della polizia che non lesina l'uso dell'idrante e dei lacrimogeni. Vedi la ricostruzione completa del braccio di ferro


 

[18-09-2018] Settembre: Telt prova a forzare atti ostili al Governo

Mentre il Ministro alle infrastrutture, Danilo Toninelli del M5s, dichiara che occorre assolutamente attendere l'esito del riesame complessivo del progetto del Tav Torino-Lione, e che qualunque lavoro portato avanti sarà considerato "atto ostile" nei confronti del Governo, i due plenipotenziari della Nuova Linea Torino-Lione nominati dai Governi precedenti, ossia il Commissario straordinario Paolo Foietta ed il Direttore generale di Telt, Mario Virano, sostenuti dalla storica lobby politico-imprenditoriale pro-Tav e dai suoi media, manifestano chiaramente l'intento di proseguire ad ogni costo verso la realizzazione della nuova infrastruttura. Fin dai primi di Settembre a Chiomonte si preparano i manufatti per ampliare il cantiere. Vedi la ricostruzione completa del braccio di ferro


 

[17-09-2018] Tav: la Francia resta in pausa

Dall'ultimo dossier governativo francese sulla programmazione degli investimenti nei trasporti, così come da un'intervista alla stessa ministra Borne, si deduce che la Torino-Lione non sia certo nelle priorità d'oltralpe. Tutto lascia intendere che in realtà si speri nella rinuncia italiana al progetto per poter giustificare la propria nei confronti della UE. Ecco i contenuti dell'intervista, preceduti da un inquadramento nell'attuale panorama politico francese delle posizioni dei due ministri coinvolti.


 

[08-09-2018] Processi No Tav: respinta la tesi della Procura di Torino sul "concorso morale"

Il 14 Giugno 2013, a Salbertrand, circa 40 giovani No Tav entrarono oltre i cancelli della ditta Itinera, impegnata nel cantiere di Chiomonte; alcuni tracciarono un "NO TAV" con la bomboletta spray su alcune ruspe. La Procura torinese chiese condanne per tutti (3-7-mesi per imbrattamento, invasione di terreni ed edifici, interruzione di pubblico servizio). Il processo di primo grado del Maggio 2018 assolse 27 attivisti ed oggi escono le motivazioni del giudice: non basta essere presenti sul luogo di un illecito per esserne ritenuti responsabili (era proprio questa, invece, la tesi che voleva affermare la Procura torinese, in special modo contro i No Tav)


 

 

 

Un breve video sull'esperienza del

Festival Alta Felicità 2018


 

[07-09-2018] Verso il nuovo piano regolatore: una Torino senza il Tav

Le specifiche, che il Comune ha dato al Politecnico per stilare un nuovo piano regolatore della città, prevedono un futuro senza Tav. Si punta a realizzare la linea 2 della metropolitana e nuove piste ciclabili ed a potenziare i mezzi pubblici, per una mobilità sostenibile ed una città meno inquinata.


 

 

[06-09-2018] Filo spinato piazzato nel bosco

Barriere di concertina, il filo a lamette taglienti di concezione israeliana, sono state posate nei boschi intorno all'area del cantiere Tav di Chiomonte (val Clarea). Un serio pericolo non solo per le persone, ma anche per gli animali


 

[05-09-2018]

Lettera aperta del Movimento No Tav al Governo

Il governo Lega-M5s dice di aver avviato una rivalutazione del Tav Torino-Lione, ma nei mesi che intanto passano si stanno concretizzando vari atti che procedono comunque verso la realizzazione dell'opera. Il Movimento No Tav denuncia questi atti ed indica al governo i precisi provvedimenti amministrativi che andrebbero adottati per fermare lo strapotere del partito trasversale degli affari, il quale va avanti imperterrito continuando ad attuanre la politica dei governi precedenti.


 

PER LE DATE PRECEDENTI: vai all' archivio news

 


 


 


Cerca su queste pagine
Cerca su Web
FreeFind


Vuoi dare un sostegno a

NO TAV Torino?

Donazioni CASSA DI RESISTENZA NO TAV
Oppure Conto BancoPosta
Numero: 1004906838
Intestato a: DAVY PIETRO CEBRARI MARIA CHIARA
IBAN:
IT22L0760101000001004906838


Alcuni documenti per chi ci legge da lontano:

bafrabatedbaingbasp


Il Movimento No Tav

 

Trent'anni di ostinata resistenza ad una grande opera inutile ed imposta

 

Un filo rosso nelle lotte NO-TAV:

 

Il respiro di una lotta popolare

La richiesta di partecipazione sempre negata dalle istituzioni

 

per approfondire.

 

-----------------------------

 

La sentenza del Tribunale Permanente dei Popoli: violati diritti fondamentali dei cittadini (2015)

 

 

per approfondire:

 


La valle militarizzata

 

 

A Chiomonte c'è una base militare a difesa di un sistema che intasca soldi dei contribuenti italiani ed europei. In Val di Susa stanno sperimentando un modo "moderno" per realizzare grandi opere.

Tragico epilogo della fu-democrazia in un Paese gravemente malato, che non esita a dichiarare guerra anche ai propri cittadini

 

 

I peccati della Maddalena

(realizzato da Fratelli di Tav)



 

La repressione giudiziaria

 

----------------------

Per approfondire:

 

Una campagna dei NO-TAV

Dossier completo su

chi LTF ha incaricato dei lavori

(senza gara) per allestire il cantiere a Chiomonte:

 

- Fior di intermediari !

- Trascorsi non proprio limpidi

 

- Le ditte ed i consorzi ai raggi x: sempre loro fra fallimenti, riaperture con parenti prestanome, sponsor politici molto interessati...

 

- I tanti guai nel passato degli "imprenditori": appalti truccati, fatture false, corruzioni... E la 'ndrangheta

 

- valutazioni su imprese e costi

 


Le Grandi Opere Inutili Imposte

 

Molte sono le lotte di difesa dei territori dall'imposizione di opere contro la volontà dei cittadini.

A partire dal 2006 i vari Movimenti di opposizione hanno iniziato a conoscersi e coordinarsi, dando vita ad un Forum annuale, presto divenuto di portata mondiale.

 

Contro le grandi opere inutili imposte


 

 


Ultimo aggiornamento: 21-Set-2018