Cronologia del Tav Torino-Lione

A partire dalle vicende più recenti


Sviluppi di varianti progettuali e lavori preliminari

 

 

 

Tratta internazionale

 

 


Valutazione dell'opera

 

Torino-Lione e Green Deal europeo sono in antitesi

 

 

La Corte dei Conti europea presenta uno studio molto critico (2018):

 

 

Il bilancio dell'opera presenta un risultato negativo tra 5,7 e 8 miliardi

 

 


I progetti vigenti

 

TRATTA INTERNAZIONALE

 

 

TRATTE NAZIONALI

 

 

  • La Francia iniizerà studi e progettazione solo dopo il 2030

 

 

15 anni di ridimensionamenti: purché si faccia, anche solo il tunnel di base:

 


La palude delle compensazioni

 

Promesse e manovre:

 

 


Le motivazioni No Tav

 

 

 

 

 

  • Alcuni documenti per chi ci legge da lontano:

    bafrabatedbaingbasp

 

 

Appuntamenti

 

 

 

 

Martedì 4 Ottobre 2022 al Presidio No Tav di San Didero:

alle 19,30 cena a base di fagioli

(portarsi padella e cucchiaio di legno)


 

 

Sabato 8 Ottobre 2022 al campo sportivo di Chiomonte

giornata informativa e di cura del territorio

per conoscere i progetti finanziati dalle compensazioni Tav

- alle 11 colazione e momento infoirmativo

- a seguire passeggiate esplorative e pranzo condiviso



Le nostre news

 

[30-09-2022] Susa e Bruzolo: contro trivelle e camion scortati da polizia e carabinieri

Durante la settimana sono comparse trivelle inviate da Telt presso Susa, a San Giacomo e San Giuliano, con la protezione di decine di agenti in assetto antisommossa. La vigilanza del Movimento sul territorio di una valle sempre più militarizzata le ha immediatamente individuate e decine di attivisti sono accorsi a presidiare e disturbare i lavori. Intanto anche a Bruzolo venivano nuovamente bloccati per alcune ore i camion che continuano a trasportare lo smarino inquinato di Salbertrand al sito di San Didero. Vedi alcune foto


 

[20-09-2022] Valsusa: statale 25 chiusa e a breve traffico in riversamento dalla Val d'Aosta

Dal 1° Settembre l'Anas ha chiuso la statale 25 tra Bussoleno e Susa per lavori indifferibili sul cavalcaferrovia di regione Polveriera legati a gravi motivi di sicurezza del manufatto. Questo proprio mentre partivano interventi di adeguamento alle gallerie della A32 che provocano riversamento di traffico sulle statali di valle. Una combinazione che rappresenta oggi un antipasto dei pesanti disagi futuri che si avrebbero se si dovessero avviare i cantieri Tav nella piana di Susa. A tutto ciò si aggiungerebbe ulteriormente, dal 17 Ottobre al 7 Novembre, il prevedibile corposo riversamento di veicoli nella Valsusa per la chiusura causa manutenzione del tunnel valdostano del monte Bianco. I Sindaci valsusini chiedono al Prefetto di coordinare i tempi dei vari interventi.


 

[15-09-2022] Bloccati i camion che portano terre inquinate di Salbertrand a San Didero

Il monitoraggio No Tav del territorio ha rilevato da alcuni giorni un traffico sospetto di camion che trasportano materiale di risulta, potenzialmente inquinato da amianto, dal sito del futuribile cantiere Tav di Salbertand al fortino di San Didero. Stamane alcuni attivisti del Movimento hanno iniziato a bloccare selettivamente questi mezzi di cava in transito con potenziale rischio sanitario per la popolazione valsusina. Vedi


 

[14-09-2022] In Francia una commissione d'inchiesta sul Tav: viola la legislazione sull'acqua

85 Deputati francesi chiedono al Parlamento la costituzione di una commissione d'inchiesta sulle violazioni delle direttive-quadro sulle acque in atto ad opera di Telt in territorio alpino. Ecco le motivazioni alla base della richiesta, presentate in un dossier per la stampa: l'originale completo in francese e la traduzione in Italiano della parte introduttiva. Questa iniziativa si aggiunge alla mobilitazione in atto nelle località sede di cantiere da parte di cittadini, sindaci, associazioni ambientaliste e sindacati, che prevede un dibattito pubblico sulla questione il prossimo 24 Settembre.


 

 

[14-09-2022] La città di Lione non finanzia più la lobby francese del Tav

L'associazione francese Transalpine, al pari della nostra Transpadana, era stata costituita da imprenditori ed enti locali allo scopo di promuovere il Tav Torino-Lione. Oggi la città metropolitana di Lione esce da questa lobby smettendo di finanziarla, e lo fa con parole molto nette (vedi l'originale in Francese) ribadite anche dal suo presidente Bruno Bernard, intervistato da Mediacités


 

[13-09-2022] Ordinaria lentezza per il processo Tav-mafia, con relativi rischi di impunità

Mentre procede con velocità record nel condannare i No Tav, la Magistratura pratica le consuete lungaggini per il processo d'appello "San Michele", Il primo grado, nel 2016, condannò vari imputati della 'ndrangheta torinese che stavano infiltrando il cantiere Tav. Otto di loro (come anche le parti lese) ricorsero in appello: da allora, per sei anni solo continui rinvii, non tutti motivati, del dibattimento. L'ultimo rimanda al prossimo 3 ottobre l'ipotetica sentenza.


 

[11-09-2022] Basta coi progetti faraonici che costano e inquinano

La nuova linea ad Alta Velocità Salerno-Reggio Calabria sarebbe, a detta del presidente della Regione "non necessaria ma importante". Il progetto è di realizzare un corridoio interno (che allunga di 50 Km il tracciato attuale) con 160 Km di gallerie al costo di 30 miliardi. A detta degli esperti di trasporti Paolo Beria ed Andrea De Bernardi le scelte progettuali di Rfi "appaiono irrazionali ai fini della pianificazione territoriale, antieconomiche, dannose riguardo all’ambiente e contraddittorie in termini di efficienza... il rischio è quello di emettere, nel prossimo decennio, una enorme quantità di CO2 recuperabile forse dal XXII secolo" Quello che servirebbe invece è l'ammodernamento delle ferrovie esistenti. Nord e Sud, stessa perversa e miope logica affaristica Leggi


 

[07-09-2022] Prosegue la mobilitazione No Tav in Francia Cittadini, associazioni, sindacati, sindaci e deputati difendono il territorio e la risorsa acqua dalle rapine di Telt. La scorsa Domenica 4 Settembre questa rappresentanza trasversale si è incontrata a Villarodin e Le Bourget con alcuni militanti No Tav italiani e sindaci della Valle di Susa. Insieme hanno effettuato una visita guidata ai cantieri della Torino-Lione situati nei comuni di Bourget e Avrieux: ecco un eloquente video che illustra la devastazione ambientale


 

[30-08-2022] Accordo Telt-Regione per la formazione professionale dei futuribili addetti ai cantieri Tav

Lo scorso 22 Luglio Telt ha mandato una velina ai giornaloni mainstream, che prontamente l'hanno pubblicata. Riguardava un accordo con la Regione Piemonte per l'ingresso di materie atte a formare giovani talenti di cantiere negli istituti professionali, negli enti scolastici regionali (Its, corsi post diploma) e nell'Università. Dall'operaio specializzato all'ingegnere: un'invasione del campo educativo a 360 gradi. A partire dalle scuole superiori della Valsusa, ovviamente! I giovani partecipanti al recente campeggio studentesco a Venaus, potenzialmente coinvolti, hanno le idee chiare in proposito e replicano: No alla scuola di Tav, no all'alternanza scuola-lavoro, No al Tav!


 

[26-08-2022] A Villarodin Bourget i No Tav francesi bloccano i camion-betoniera

Mercoledì 24 Agosto una trentina di abitanti di Villarodin ha bloccato le betoniere destinate al cantiere Tav dove dovevano riversare 200 metri cubi di calcestruzzo in un solo giorno. Ora questi attivisti vorrebbero mantenere in piedi la forma di lotta almeno fino al 12 Settembre, e chiedono aiuto a chi possa unirsi alla mobilitazione (vedi sommaria traduzione in Italiano)


 

PER LE DATE PRECEDENTI: vai all' archivio news

 


I contenuti di questo sito sono riportati, insieme a molte altre informazioni e numerosi materiali utili ai fini di ricerche, su


Altri siti No Tav attivi nella lotta alla Torino-Lione
 

Cerca su queste pagine
Cerca su Web
FreeFind


SOSTIENI NO TAV Torino


CASSA DI RESISTENZA NO TAV

Oppure Conto BancoPosta
Numero: 1004906838
Intestato a: DAVY PIETRO CEBRARI MARIA CHIARA
IBAN:
IT22L0760101000001004906838

La repressione giudiziaria del Movimento No Tav

 

Il caso emblematico di Dana

 

 

 

 

 

Centinaia di militanti imputati in decine di processi per oltre un decennio; molte misure cautelari di privazione della libertà prima del giudizio

 


I cittadini inascoltati, la valle militarizzata

 

Il Tav Torino-Lione è il caso più lampante di grande opera inutile imposta alla popolazione

 

Interviene, in seguito ad un esposto, il Tribunale Permanente dei Popoli che sentenzia: violati i diritti fondamentali dei cittadini

 

 

 

 

Autore dell'esposto al TPP è

 

 

nato nel 2014 p er vigilare attentamente sui limiti posti all'agibilità democratica.

 

Negli anni seguenti il Controsservatorio promuove convegni, pubblicazioni, appelli, esposti alla Magistratura

 

 


Il Movimento No Tav

 

Oltre trent'anni di ostinata resistenza

 

Un filo rosso nelle lotte NO-TAV:

 

 

 

 

 


Ultimo aggiornamento: 03-Ott-2022